Ma visto che ci sono così tanti poeti, perché non li tassiamo?


Giustamente. Non c’è persona in rete che non scriva una poesia, per vocazione o per esibizionismo, o per tutte e due. Le antologie condominiali si sprecano, con esiti spesso molto più che deludenti.

Ma se si scrive così tanta poesia, se si scrive così tanta narrativa, perché non si legge? Forse perché il tempo per leggere lo si occupa per scrivere. Dico forse.

La trovata di Roberto Corsi è più di una trovata: è una soluzione, un po’ castigatoria, provocatoria senza dubbio, ma molto utile.

Tu (e anch’io) che credi di contribuire all’arte scrivendo poesie e racconti o romanzi di dubbio gusto, quantomeno velleitari, in pratica solo numeri nel mucchio mettiti la coscienza artistica in pace autotassandoti di mezzo euro destinato a beneficienza per attività culturali o meglio umanitarie per ogni tuo testo pubblicato o autopubblicato in rete o con l’editoria a pagamento!

Da leggere:

http://robertocorsi.wordpress.com/2012/01/17/tombin-tax/

Annunci

8 thoughts on “Ma visto che ci sono così tanti poeti, perché non li tassiamo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...