E Flavia Vento mi rispose


Flavia Vento mi rispose su Twitter, alla mia frase “Poesia al Vento”:

@AdSidera non credo proprio se nemmeno le hai lette ricorda che nella vita non bisogna giudicare prima di conoscere

Ho risposto che le leggerò volentieri per dare più consistenza alle mie critiche. Ma che intanto quelle che ho sentito le ho trovate inconsistenti. Poi avrei anche voluto ricordarle che uno dei più dotati poeti italiani, Pierluigi Cappello, vive in condizioni miserrime, e non viene certo chiamato alla televisione per pubblicizzare i suoi libri, questi sì veri libri di poesie. Ma mi sono detta: ma chi me lo fa fare di lottare contro i mulini di Flavia Vento. Tanto vincono sempre loro.

Annunci

Poesia al Vento


Da qualche settimana non si fa che parlare del libro di poesie di Flavia Vento, edito – sì, EDITO – da una nota casa editrice. Di cui non voglio fare il nome per solidarietà al concetto di Poesia e di Onestà intellettuale, e per evitare inconsapevoli pubblicità a favore.
Credevamo, speravamo di non vedere più simili capolavori di haiku de noantri, dopo le famigerate liriche Bondiane. E invece.
“Guardami e il tuo sguardo assente mi allontana la mente. Gelido inverno, gelido sonno, il mio sguardo perso e io che ho bisogno di te”.
Non resta che esclamare un accondiscendente “Brava”, lo stesso brava – fateci caso – che si dice ai bambinetti moccolosi e viziati che recitano la poesiola di Natale.




L’editore passa in televisione, perché come fai a non passare in televisione se ti sei messo nel carrozzone del Vento? E la televisione, il cui intento è di abbassare il livello culturale, è evidente, non certo di stimolarlo (a un pubblico assuefatto alle stronzate si può ammannire di tutto, anche i servizi del TG1) va a nozze con queste trovate editoriali lungimiranti della lungimiranza di un fruttarolo. Con tutto il rispetto verso la categoria. Dei fruttaroli.


Grazie a Gianguido Mussomeli per aver scovato questa perla!

mozart2006

Oggi vi propongo una splendida edizione del capolavoro di Mozart, realizzata alla RAI di Milano nel 1960, con un cast di assoluto livello qualitativo. Tra i principali motivi di interesse, qui abbiamo la possibilità di ascoltare grandi interpreti mozartiani di scuola italiana come Leyla Gencer e Sesto Bruscantini.

Il cast:

Don Giovanni – Mario Petri
Donna Anna – Teresa Stich-Randall
Donna Elvira – Leyla Gencer
Don Ottavio – Luigi Alva
Leoporello – Sesto Bruscantini
Il Commendatore – Heinz Borst
Masetto – Renato Cesari
Zerlina – Graziella Sciutti

Conductor – Francesco Molinari-Pradelli
Orchestra and Chorus – RAI Milano

View original post