Misantropia e Egoismo


 Dire sempre la propria, a costo di offendere chi ci sta vicino, è segno di egoismo? Non sarebbe meglio piegarsi, sorridere, lasciar correre, per il cosiddetto “amor d’armonia”? Chi siamo noi in fondo per giudicare delle frasi, delle azioni degli altri o dei prossimi che ci circondano? Non valgono forse più gli individui, con i loro difetti e i loro pregi, degli ideali?
Perché in fondo è sempre  la ricerca di una coerenza con un ideale che ci fa brontolare se poi questa coerenza non la troviamo in chi ci è vicino.  E se al nostro brontolio succede il broncio dell’altro, siamo noi a essere in colpa? A voler a tutti costi imporre la nostra egoica visione del mondo? E non vuol dire isolarsi, contraddire sempre? Fare la fine di un misantropo, quindi? Ma allora siamo egoisti o misantropi?

Leggo un brano di un’antica operetta trovata spulciando in rete, un’operetta morale di Luigi Carrer, in cui si tratta fra le altre cose di Misantropia e Egoismo.

[..) L’egoista non fugge il consorzio degli uomini, vive anzi frammezzo a loro, e fa di essi il suo trastullo. Laddove il misantropo fugge per non rimanere offeso, quest’altro si getta in mezzo la calca con intendimento e speranza d’offendere.

Il paragrafo più interessante arriva adesso però: non è affatto detto che l’egoista debba essere sgradevole, mentre lo è sempre il misantropo. Sentite cosa dice:

L’egoismo può vestire infinite sembianze, può cambiar colore a suo senno. Ci son fino egoisti amorosi, ciò che sembrerebbe impossibile ad immaginare.

Io un egoista amoroso – o una egoista amorosa – me lo posso immaginare, eccome! Ne capitano tutti i giorni, di egoisti travestiti da persone generose o amorose.

L’egoismo è fondamento a molti altri vizii , di cui esso si serve come di complici a contentare il suo malvagio appetito.
Appetisce gli onori? Può essere modesto; purchè la modestia gli sia scala a salire.
Appetisce il piacere? Può essere prodigo ; purchè le prodigalità possano metterlo innanzi su quella strada di fiori per la quale desidera d’inviarsi.
Mentre insanguina la riputazione di uno dei proprii fratelli che gli attraversano il cammino, può far getto del proprio danaro a soccorrere un altro indigente, prostrato dai disagi per modo, che certo non lascia luogo a sospettare che sia per sorgere e mettersi in concorrenza con esso.

Oltre la facilità che hanno gli uomini di scambiare una per l’ altra due cose che si presentino loro con poche differenze esteriori, possiamo trovare qualche altro motivo di questo errore particolare in cui cade chi chiama misantropia l’egoismo o il contrario.
Misantropia ha qualche cosa di meno offendente agli orecchi, e però non par vero all’egoismo di poterne affettare l’apparenza. Come s’è detto a principio, la misantropìa è indizio d’una qualche parte della vita passata nel confidente consorzio dei proprii simili, e quindi, come cosa in certa qual maniera assennata, ottiene dagli uomini, se non forse rispetto, almen compassione. L’egoista al contrario, senza esperienze anteriori, ne viene volontario al pessimo ufficio di comperare l’utilità propria a prezzo dell’ altrui nocumento, e quindi come quintessenza genuina di vizio inspira ribrezzo ed esecrazione.
Dal misantropo possono trarsi talvolta alcuni vantaggi; non so quali possono essere cagionati dall’egoista, quando non fosse quella muta ma molto efficace lezione che ci ha sempre nel vizio, chi voglia badarci.

Da “Discorsetti Morali” in “Prose di Luigi Carrer, vol.I”, 1855

(continua…)

Fulvio Martini, Ego’s Pumping, Acrilico su Tela

http://www.fulviomartini.it/

Annunci

6 thoughts on “Misantropia e Egoismo

  1. io sono nata misantropa e morirò misantropa. l’effetto esteriore è quello dell’egoista, con pochi tratti distintivi tra l’uno e l’altro: giusto per chi li sa cogliere, perché di solito le due modalità paiono sovrapporsi. io fuggo il consorzio umano: non sempre, non “a prescindere”, come farebbe un vero misantropo da commedia, ma tendenzialmente. mi becco dell’egoista, più per brevità, sorta di “ci siamo capiti”, perché è più alla portata il termine “egoista” che non “misantropo”. in realtà credo che l’egoista non ami i suoi simili, li tratti come mezzi di soddisfacimento dei suoi bisogni in testa ai quali c’è sempre lui stesso, mentre il misantropo credo “odi” il genere umano perché non risponde ai suoi ideali di amore. l’egoista è un entusiasta, non ha niente da perdere. il misantropo è pessimista, sa che non deve aspettarsi niente. un po’ alla volta il secondo si ritira, ma c’è stato un tempo in cui, nonostante la propensione alla separatezza, si mescolava generosamente ai suoi simili. come farebbe ad “odiare” senza esperienza? il misantropo di una certa età non tace più: se una cosa lo urta, lo infastidisce, la sottolinea. si fa odiare: ma spesso, gli amanti della quiete, dell’armonia, che si guardano bene dall’esprimere giudizi, come invece con schiettezza, senza guardare in faccia a nessuno, il misantropo fa, lo ammirano o, quanto meno, sanno in cuor loro che il misantropo ha la vista lunga. agli ipocriti – in senso etimologico – che sanno sicuramente stare al mondo molto meglio del misantropo, un po’ secca un tipo così: perché è irriducibile alle manfrine e alle sirene del mondo, e perché ricorda loro che ogni tanto anche alla verità – o quello che è – bisogna dare aria. l’egoista è un poveraccio, invece.

  2. Mi piace seguirti anche se spesso fatico per la semplicità della mia mente che funziona a intermittenza.
    Se per amor di armonia devo indossare la maschera dell’ipocrisia non ci sto.
    Mi piace dire sempre quello che penso a costo di sembrare banale o antipatico (spesso odiato), anche perché spero sempre che la persona alla quale mi rivolgo comprenda che nelle mie intenzioni non c’è nessuna voglia di offendere o fare male.
    Mi piace la gente, sono portato a dare fiducia alle persone, ma mi stufo abbastanza alla svelta della loro presenza e spesso mi allontano senza accorgermene , li lascio lì a parlare al vento. A volte penso che più che egoista o misantropo io sia uno stronzo…un simpatico stronzo con la testa tra le nuvole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...